Di corvi e tavolini

IMG_5225

Il cappellaio sgranò gli occhi nel sentire ciò, ma si limitò a dire: “che differenza c’è fra un corvo e un tavolino?”

“Oh, adesso viene il bello!” pensò Alice. “Sono contenta che comincino a fare gli indovinelli… Ci si può arrivare!” soggiunse a voce alta.

“Vuoi dire che pensi di poter trovare la risposta?” disse la Lepre Marzolina.

“Proprio così!” disse Alice.

“Allora dovresti dire quello che pensi” continuò la Lepre Marzolina.

“Lo faccio sempre” rispose Alice d’un fiato. “Almeno… almeno penso quel che dico… che è la stessa cosa, no?”

“Non è la stessa cosa per niente” disse il Cappellaio. “Sarebbe come dire che vedo ciò che mangio è la stessa cosa di mangio ciò che vedo!”.

“Sarebbe come dire,” aggiunse la Lepre Marzolina “che mi piace ciò che prendo è la stessa cosa di prendo ciò che mi piace”!

“Sarebbe come dire,” soggiunse il Ghiro, che sembrava parlare nel sonno, “che respiro quando dormo è la stessa cosa di dormo quando respiro!”.

“Ma è la stessa cosa per te!” disse il Cappellaio, e qui la conversazione languì, e i convitati rimasero in silenzio per qualche minuto, mentre Alice passava in rassegna tutto quello che sapeva su corvi e tavolini, cioè non molto.

Tratto da: “Alice nel paese delle meraviglie” di Lewis Carroll.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...